Restaurant | Hotel | Wine Cellar
t: +386 (0)7 34 66 190 | f: +386 (0)7 34 66 191

“Cominciare vuol dire creare delle nuove possibilità che prima non esistevano.
Questo è il tempo dell’attesa della crescita, è il periodo delle vie aperte, il tempo nel quale tutto è possibile.
Pensieri: Julia Doria
.”

druzina

 

 

I nostri inizi risalgono a quindici anni fa quando grazie ad una collaborazione intergenerazionale abbiamo dimostrato che per un buon inizio sono di grande importanza le solide basi famigliari e il sostegno che noi, i figli Boštjan e David abbiamo ricevuto dai nostri genitori. Già i nostri nonni sognavano di un ambiente caldo, dove si ritroverebbe la gente da tutte le parti e goderebbe a mangiar e bere bene in un ambiente piacevole, dove si sentono inebrianti sapori e odori. Nel 1994 abbiamo aperto la trattoria Rakar in un idillico paesino di Ponikve vicino a Trebnje.

Con la nuova generazione è cambiato il vento che ha apportato in gestione della trattoria nuove idee, nuove correnti e nuovi progetti, ma ha mantenuto la tipica ospitalità, la gentilezza e il senso d’intimità della regione Dolenjska. La trattoria vanta una cucina senza pari in questa parte della Slovenia ed è apprezzata da tutti gli ospiti tanto nostrani che stranieri. Uno staff giovane ma esperto si prende cura degli ospiti affinché si trovino a loro agio e perciò tutti tornano con piacere da noi.

Ogni pietanza è preparata dai nostri bravissimi cuochi con grande passione e immaginazione e grande equilibrio tra i magici sapori e profumi. Il connubio tra l’ambiente idillico e gli ingredienti freschi e genuini che ci sono forniti ogni giorni dagli agricoltori vicini dà ai nostri piatti un fascino particolare. La ricetta per la nostra ottima cucina rappresentano dunque gli ingredienti, prodotti localmente che sotto le abili mani dei nostri cuochi trovano la strada più breve fino al piatto.

“ Un buon pasto non è quello che vi sazia, ma è come un viaggio che vi rinvia alle origini del piacere che forse avete già dimenticato e vi porta in luoghi nuovi, dove non siete stati ancora”